Spheragroup | Consulenza aziendale, Recruiting a Bologna

Blog Sphera

Il management è l’arte di prendere decisioni sulla base di informazioni insufficienti. (Roy Rowan)

Blog Sphera

Il management è l’arte di
prendere decisioni
sulla base di informazioni
insufficienti. (Roy Rowan)

NUOVE NORME EBA: COSA CAMBIA DAL 1°GENNAIO 2021 PER I CONTI CORRENTI

Dal 1° gennaio 2021 entrano in vigore le nuove regole dell’EBA (European Banking Authority) relativa alla gestione dei conti correnti in rosso. Non saranno più consentiti gli addebiti automatici per i clienti che non hanno disponibilità liquida sufficiente sui propri conti correnti.

Come anticipato, le nuove disposizioni EBA mirano a restringere i confini della flessibilità circa la concessione del credito verso la propria clientela. Dall’altro lato, inaspriscono i parametri per classificare come “default” un credito non riscosso.

Come funzionerà esattamente?

Se i mancati pagamenti, anche di soli 100 Euro, si protraggono per tre mesi, la banca è tenuta alla segnalazione del cliente alla centrale rischi rubricando l’intera sua esposizione fra i ‘crediti malati’. La quota assoluta di 100 Euro si innalza a 500 Euro per le imprese.

In questi casi, l’intera esposizione del correntista verso l’istituto di credito sarà riclassificata come NPL (Non-Performing-Loan), cioè crediti deteriorati delle banche. Questi sono dei prestiti la cui riscossione è considerata a rischio sotto diversi profili.

Inoltre gli addebiti automatici sul conto corrente, ad es. i RID autorizzati per il pagamento delle utenze domestiche, non saranno più consentiti nel caso in cui il correntista non abbia la disponibilità liquida necessaria a coprire gli interi importi necessari.

«Il nuovo quadro regolatorio, che non è stato sufficientemente spiegato dalle banche, è preoccupante – commenta il vicepresidente di Unimpresa, Salvo Politino -. Non saranno più possibili nemmeno piccoli sconfinamenti e questo vuol dire, per molti artigiani, commercianti, piccoli imprenditori e anche per molte famiglie, non poter più usufruire di quelle piccole forme di flessibilità che, specie in questa fase così critica a causa degli effetti economici della pandemia Covid-19, sono fondamentali per far fronte ai pagamenti di utenze o altri adempimenti, come gli stipendi e i contributi previdenziali, le rate di finanziamenti e mutui. C’è il rischio di una fortissima stretta al credito, conseguenza inevitabile delle segnalazioni alla Centrale rischi e della riclassificazione degli affidamenti della clientela in caso di piccoli arretrati».

Hai dei dubbi o delle perplessità? Chiedi un parere ad un nostro consulente.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il segreto della Negoziazione Vincente? NON ESISTE

Quello che troverete nell'Ebook sono indicazioni semplici e molto pratiche, per migliorare le proprie performance di venditori.

Compila il seguente modulo per poter scaricare gratuitamente il libro.

Il segreto della Negoziazione Vincente? NON ESISTE

Quello che troverete nell'Ebook sono indicazioni semplici e molto pratiche, per migliorare le proprie performance di venditori.

Compila il seguente modulo per poter scaricare gratuitamente il libro.