Spheragroup | Consulenza aziendale, Recruiting a Bologna

Blog Sphera

Il management è l’arte di prendere decisioni sulla base di informazioni insufficienti. (Roy Rowan)

Blog Sphera

Il management è l’arte di
prendere decisioni
sulla base di informazioni
insufficienti. (Roy Rowan)

NUOVE NORME EBA: COSA CAMBIA DAL 1°GENNAIO 2021 PER I CONTI CORRENTI

Dal 1° gennaio 2021 entrano in vigore le nuove regole dell’EBA (European Banking Authority) relativa alla gestione dei conti correnti in rosso. Non saranno più consentiti gli addebiti automatici per i clienti che non hanno disponibilità liquida sufficiente sui propri conti correnti.

Come anticipato, le nuove disposizioni EBA mirano a restringere i confini della flessibilità circa la concessione del credito verso la propria clientela. Dall’altro lato, inaspriscono i parametri per classificare come “default” un credito non riscosso.

Come funzionerà esattamente?

Se i mancati pagamenti, anche di soli 100 Euro, si protraggono per tre mesi, la banca è tenuta alla segnalazione del cliente alla centrale rischi rubricando l’intera sua esposizione fra i ‘crediti malati’. La quota assoluta di 100 Euro si innalza a 500 Euro per le imprese.

In questi casi, l’intera esposizione del correntista verso l’istituto di credito sarà riclassificata come NPL (Non-Performing-Loan), cioè crediti deteriorati delle banche. Questi sono dei prestiti la cui riscossione è considerata a rischio sotto diversi profili.

Inoltre gli addebiti automatici sul conto corrente, ad es. i RID autorizzati per il pagamento delle utenze domestiche, non saranno più consentiti nel caso in cui il correntista non abbia la disponibilità liquida necessaria a coprire gli interi importi necessari.

«Il nuovo quadro regolatorio, che non è stato sufficientemente spiegato dalle banche, è preoccupante – commenta il vicepresidente di Unimpresa, Salvo Politino -. Non saranno più possibili nemmeno piccoli sconfinamenti e questo vuol dire, per molti artigiani, commercianti, piccoli imprenditori e anche per molte famiglie, non poter più usufruire di quelle piccole forme di flessibilità che, specie in questa fase così critica a causa degli effetti economici della pandemia Covid-19, sono fondamentali per far fronte ai pagamenti di utenze o altri adempimenti, come gli stipendi e i contributi previdenziali, le rate di finanziamenti e mutui. C’è il rischio di una fortissima stretta al credito, conseguenza inevitabile delle segnalazioni alla Centrale rischi e della riclassificazione degli affidamenti della clientela in caso di piccoli arretrati».

Hai dei dubbi o delle perplessità? Chiedi un parere ad un nostro consulente.

Facebook
Twitter
LinkedIn

DOVE PARCHEGGIARE

– Parcheggio Staveco

Viale Enrico Panzacchi, 10, Bologna (750m dalla Piazza Cavour)

A piedi 8 MINUTI

Navetta A / DIREZIONE Fioravanti Piazza Liber Paradisus / 2 min (2 fermate)



– Parcheggio Tanari

Via Luigi Tanari, 17, Bologna

Linea 29 / DIREZIONE Roncrio / 13 min (7 fermate)



– Parcheggio interrato Piazza VIII Agosto

Piazza dell’Otto Agosto, Bologna

A piedi 17 MINUTI

Navetta A / DIREZIONE Poliambulatorio Rizzoli / 7 min (5 fermate)